Concorso DS: il punto sulle prove e sui titoli da valutare. A breve il regolamento.

Inizia ad acquisire le competenze e le abilità fondamentali per affrontare le selezioni.

È atteso a breve il regolamento per il nuovo concorso a Dirigente Scolastico.
Al momento, pur non essendo noti i dettagli, abbiamo informazioni sufficienti per fare il punto su possibili tempi, struttura e organizzazione del prossimo concorso per DS e stiamo per pubblicare il Calendario delle classi virtuali.  Eurosofia sta organizzando un ciclo di webinar informativo con formatori d’eccellenza che veicolerà il tuo successo.

Siamo pronti ad accompagnarti in questo cammino verso il concorso DS, mettendo a disposizione tutti gli strumenti, l’esperienza pluriennale dei nostri formatori, le metodologie, le strategie che si sono dimostrate vincenti nei precedenti concorsi.

Eurosofia, nell’ultimo reclutamento ha supportato moltissimi candidati che sono oggi Dirigenti scolastici, che hanno mostrato grande apprezzamento e gratitudine, e con i quali ancora oggi c’è un ottimo rapporto e ci hanno contattato per attivare protocolli formativi nei loro istituti.

Anche per il prossimo concorso accompagneremo chi sceglierà la nostra proposta formativa in un percorso non solo di studio ma anche un processo di acquisizione di leadership e capacità di problem-solving.

Per prendere consapevolezza del futuro ruolo per le capacità decisionali da acquisire, per delineare una strategia efficace e per iniziare a impostare lo studio in maniera funzionale conciliandolo con i numerosi impegni che quotidianamente, i docenti devono affrontare

Sogni di diventare Dirigente scolastico? Affidati ad Eurosofia.

I nostri formatori stanno già lavorando alla programmazione del corso. Stanno strutturando un corso tecnico/pratico, forti della loro esperienza pluriennale e delle loro competenze specifiche. QUI I DETTAGLI RELATIVI AL PROGRAMMA  DEL CORSO.

Se vuoi iniziare a prepararti per raggiungere con successo il tuo nuovo obiettivo professionale puoi affidarti all’entourage di esperti che abbiamo individuato per supportarti e guidarti al meglio fino alle prove selettive.

Per ricevere maggiori informazioni sulla nostra metodologia invia una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Ministero dell’istruzione ha diffuso alcuni mesi fa, attraverso un’informativa, alcune anticipazioni in merito al prossimo concorso per dirigenti scolastici.

Il reclutamento sarà su base regionale, non nazionale come l’ultimo bandito nel 2017. L’obiettivo è avere le graduatorie pronte per le assunzioni del 2023/24.

Sarà un concorso selettivo per titoli ed esami; la novità eclatante è che non saranno più previsti il corso di formazione ed il tirocinio. In altre parole, chi vincerà la procedura, sarà immediatamente un Dirigente scolastico; naturalmente l’anno di prova è confermato e non ha nulla a che vedere con il corso/tirocinio.

Tutto ciò lo si deduce dall’articolo 2, comma 1, lett a) del Decreto Legge n. 126/2019.

Il nuovo reclutamento concorso per dirigenti scolastici, dovrebbe prevedere una prova preselettiva computer based qualora a livello regionale il numero dei candidati dovesse risultare superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso. 

Non è prevista la pubblicazione della banca data dei quesiti. Saranno 50 le domande a copertura di 8 ambiti disciplinari, gli stessi dello scritto. 100 minuti per la prova con 1 punto ad ogni risposta esatta, 0 a ogni risposta omessa e – 0,30 nel caso di risposta errata. Saranno ammessi alle prove scritte un numero di candidati pari a tre volte quello dei posti messi a concorso.

REQUISITI PER ACCEDERE AL CONCORSO

È ammesso a partecipare al concorso dirigenti scolastici, il personale docente ed educativo delle istituzioni scolastiche ed educative statali assunto con contratto a tempo indeterminato e confermato in ruolo ai sensi della normativa vigente, che abbia effettivamente reso, nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione, un servizio di almeno cinque anni e che sia in possesso di uno tra i seguenti titoli di studio: 

  • laurea magistrale;
  • laurea specialistica;
  • diploma di laurea conseguito secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509;
  • diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica;
  • diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore.

Attenzione: i candidati devono possedere i requisiti generali per l’accesso all’impiego nelle pubbliche amministrazioni.

Da precisare che i titoli di studio conseguiti all’estero sono considerati validi per l’ammissione al concorso se dichiarati equipollenti o equivalenti a titoli universitari italiani secondo la normativa vigente.

Inoltre, il servizio di insegnamento, anche se maturato antecedentemente alla stipula del contratto a tempo indeterminato, si intende prestato per un anno intero se ha avuto la durata di almeno centottanta giorni o se sia stato prestato ininterrottamente dal primo febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale.

Il regolamento precisa che ai fini dell’ammissione al concorso, si considera valido soltanto il servizio di ruolo effettivamente prestato con esclusione dei periodi di retrodatazione giuridica.

Sono considerati validi, ai fini del riconoscimento dei cinque anni, i servizi valutabili a tutti gli effetti come servizio di preruolo nelle scuole paritarie che abbiano avuto riconoscimento ai sensi della legge 10 marzo 2000, n. 62.

Prove

La prova preselettiva sarà svolta qualora a livello regionale il numero dei candidati sia superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e che l’eventuale prova preselettiva, computer-based e unica per tutto il territorio nazionale, si svolge nelle sedi individuate dagli USR, eventualmente anche in più sessioni in relazione al numero dei candidati.

La prova preselettiva consiste in un test articolato in cinquanta quesiti a risposta multipla vertenti sui medesimi ambiti disciplinari di cui all’articolo 7, comma 2.+

La prova scritta computer based verterà su quesiti a risposta aperta (cinque) con due quesiti di inglese. La prova scritta, computer-based e unica per tutto il territorio nazionale, si svolge nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda di partecipazione, nelle sedi individuate dagli USR

La prova orale consiste in:

  1. un colloquio sugli ambiti disciplinari della prova scritta, che accerta la preparazione professionale del candidato sui medesimi e verifica la capacità di risolvere un caso riguardante la funzione del dirigente scolastico
  2. una verifica della conoscenza e della capacità di utilizzo degli strumenti informatici e delle TIC di più comune impiego presso le istituzioni scolastiche;
  3. una verifica della conoscenza della lingua inglese al livello B2 del CEF, attraverso la lettura e traduzione di un testo scelto dalla commissione esaminatrice e una conversazione in lingua inglese.

In prima istanza per la prova orale, la cui durata è definita dal bando di concorso, è stato ipotizzato lo svolgimento in videoconferenza, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e digitali, ma terminato lo stato d’emergenza sono ipotizzabili soluzioni differenti che prevedano la presenza.

  

Abbiamo 639 visitatori e 17 utenti online

Eurosofia ©2019. All Rights Reserved